Backgammon.it

La tua guida on-line di backgammon
Oggi è gio 17 ago 2017, 12:55

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 58 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mar 18 lug 2017, 11:08 
Non connesso

Iscritto il: mar 03 giu 2008, 12:55
Messaggi: 2200
alfonso ha scritto:
..1) ......negli anni 90 ma già allora Melzino era tra gli aspiranti top, era chiaro lo divenisse. ........

2) oppure tu Florin ti surriscaldi le meningi mentre Mauri gli viene facile inquadrare una soluzione.
la storia si ripete all'infinito e solo giocando molto la tieni sotto controllo.


1) allora io che ho iniziato nel 2007 e dal 2009 sono aspirante Top..ho ancora una decina di anni per diventare come Carlo.. giusto?

2) se si vuol parlare seriamente di PR, il PR deve considerare anche il tempo che uno ci mette a fare le mosse...quindi registrare le partite con l'orologio; un Champion deve essere più veloce degli altri e non il contrario, come spesso succede.
Alle volte, siccome sta scritto che devono dimostrare che sanno, pensano mosse automatiche per 10 minuti...e spesso finiscono con pochi secondi i match; in quelle occasioni io penso sempre che hanno dei gravi limiti e devono fare i ragionamenti uno per volta in fila perchè non sanno sintetizzare; Chi gioca tanto e spesso e studia...dovrebbe muovere alla velocità della luce; Federer sintetizza in tre nano secondi tutto, almeno così sembra per come gioca.
Quindi chi gioca troppo lento va penalizzato nel PR.
Grumpy

_________________
Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi VINCI (vice-vice-VICE-vice Campione d' Italia)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mar 18 lug 2017, 11:12 
Non connesso

Iscritto il: mar 03 giu 2008, 12:55
Messaggi: 2200
melzino ha scritto:
alfonso ha scritto:
Sapete chi era un buon giocatore in gioventù, ancor prima di XG, gnu, jellifish ecc.. Gli stessi di oggi, Melzi, Mauri, Riceputi e qualcun altro che se ritornasse a giocare sarebbe al top.

Ero un grande appassionato di backgammon fin da piccolo. Ho giocato, letto, provato mosse e discusso posizioni per anni.
Poi qualcuno mi ha installato Jellyfish e ho imparato a giocare :D

Non me ne fragava una mazza del backgammon fino a 52 anni. Ho giocato a tennis, letto giornali, provato posizioni di khamasutra e discusso al bar per anni.
Poi ho incontrato Cappelletti e il Cdbm e ho imparato a giocare :D e mi son tolto molti sfizi. :lol: :lol:

_________________
Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi VINCI (vice-vice-VICE-vice Campione d' Italia)


Ultima modifica di danrot il ven 21 lug 2017, 11:18, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mar 18 lug 2017, 12:28 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1079
alfonso ha scritto:
presumo di si... jelly è uscito negli anni 90 ma già allora Melzino era tra gli aspiranti top, era chiaro lo divenisse. A Bologna anni 90 fece il passo dagli intermediate ai champion con Cultrera, due ragazzi giovani e di talento.

Resta un fatto: il termine studiare che vuol dire? stare sui libri?
Fragiacomo non mi ricordo abbia mai aperto un programma, vinse il città di Venezia, giocava tutti i giorni un paio d'ore. Altri come lui giocavano tutti i giorni ma, seppur ad livello tecnico ottimale, caratterialmente avevano dei punti deboli. Con lui D'ancona, sempre piazzato ma incline al money game; uno studioso come Markotich (scacchista eccellente) pensava di trovare terreno fertile in laguna ma si ricredette subito perchè il tanto giocare poneva un limite anche a chi tecnicamente ne sapeva di più.

E la statistica?

esempio, Braconi fa un decimo della fatica di un xy giocatore, oppure tu Florin ti surriscaldi le meningi mentre Mauri gli viene facile inquadrare una soluzione.
la storia si ripete all'infinito e solo giocando molto la tieni sotto controllo.


Io posso parlare per il periodo dal 2005 in poi. Studiare vuol dire capire l'essenza del gioco, serve il confronto con qualcuno almeno allo stesso livello, XG o altri giocatori.
Il talento si vede anche da quanto uno ci mette ad arrivare a livelli competitivi, io ho visto Braconi (solo col GNU), Rinaldo (al circolo era sempre lì che analizzava e discuteva posizioni) e ora Andreal (online anche lui), pure io ci ho messo poco ad arrivare a buoni livelli con quanto imparato dai libri e giocando. I pro giapponesi studiano tutti il giorni, certo che hanno un vantaggio mica da poco sugli altri top players che hanno un lavoro.
Le tue sono impressioni Alfonso, Fragiacomo è molto più pericoloso di quanto il suo PR lo dica (10 -12 ma su 2 partite mi pare) ma D'Ancona faceva risultati internazionali, aveva partite giocate a 3.x, io non ho dubbi chi preferire in qualsiasi sfida.
Tu e Danny vedete che un Rinaldo o io eravamo più indecisi e lenti degli altri ma è questione di carattere anche, un Fabri o Mauri possono apparire che sanno sempre la mossa ma alla fine è il risultato che conta, se ne azzeccano più di noi. Mauri nonostante la lunga carriera non ha partite registrate se non un paio giocate a 5.5 , come risultati è messo bene. Io ho visto dei giants commentare quiz live, non hanno tutte queste certezze se no giocherebbero a PR 2.0

Alle statistiche non sfugge nessuno, nè i grumpies nè i top players, ora sto raccogliendo un pò di dati.

_________________
Le persone non sono fatte per capire le probabilità ma il backgammon può aiutare !


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mar 18 lug 2017, 13:26 
Non connesso

Iscritto il: mar 03 giu 2008, 12:55
Messaggi: 2200
Florin ha scritto:
.........
Alle statistiche non sfugge nessuno, nè i grumpies nè i top players, ora sto raccogliendo un pò di dati....

e COME POTREBBE ESSERE ALTRIMENTI!!... è come dire a un SALUMIERE che la mortadella fa male, fa ingrassare, fa venire i foruncoli e l'orticaria!!! IMPOSSIBILE!! ti dirà che fa solo bene.
In effetti a me viene l'orticaria e anche qualche foruncolo a sentire parlare di statistica nel Backgammon, e invece mangio quintali di mortadella e sto benissimo!!
com'è sta storia??? :lol: :lol: :lol: Grumpy

_________________
Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi VINCI (vice-vice-VICE-vice Campione d' Italia)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mar 18 lug 2017, 13:36 
Non connesso

Iscritto il: mar 03 giu 2008, 12:55
Messaggi: 2200
Florin ha scritto:
Io posso parlare per il periodo dal 2005 in poi. .............................
Il talento si vede anche da quanto uno ci mette ad arrivare a livelli competitivi, ..................... R e ora Andreal (online anche lui), pure io ci ho messo poco ad arrivare a buoni livelli con quanto imparato dai libri e giocando. ......

Bravo...Bravi....i risultati? vediamoli!! Hai solo opinioni personalizzate. di Oggettivo c'è poco. D'altronde senza il Latino è difficile avere analisi logica. La statistica e matematica da sole non bastano come base per avere una visione completa e corretta..sforzati di esprimere concetti e fare asserzioni più realistiche.
:D :D

_________________
Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi VINCI (vice-vice-VICE-vice Campione d' Italia)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mar 18 lug 2017, 15:05 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1079
danrot ha scritto:
Bravo...Bravi....i risultati? vediamoli!! Hai solo opinioni personalizzate. di Oggettivo c'è poco. D'altronde senza il Latino è difficile avere analisi logica. La statistica e matematica da sole non bastano come base per avere una visione completa e corretta..sforzati di esprimere concetti e fare asserzioni più realistiche.
:D :D


I dati ci sono eccome. Se vuoi sapere i titoli e piazzamenti basta che guiardi l'albo d'oro, manca il nr di partecipazioni per fare una valutazione più corretta quindi aspetto i dati di Max. La percentuale di vittorie in carriera l'abbiamo anche, i dati sono molti ma ovviamente i rischio è che siano rimasti in ritardo.

Io posso avere le mie opinioni perchè comunque incrociare PR attuale, presunto perchè nessun italiano ha fatto il Bmab, e risultati non è scientifico, ma di personale non c'e nulla quando parlo di statistiche.
Se neanche la statistica dei risultati non ti va bene allora boh, come vuoi dimostrare che i Grumpies hanno relativo successo ?
Manco la sfida di Melzino ai dadi hai accettato ! :D

_________________
Le persone non sono fatte per capire le probabilità ma il backgammon può aiutare !


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mar 18 lug 2017, 16:27 
Non connesso

Iscritto il: mar 13 mar 2007, 09:06
Messaggi: 2276
ops.. se vi mettete voi due a discutere perdiamo il filo, già con Florin il filo si perde perchè sciorina dati ed episodi che spostano i binari verso il suo terreno. Seguirà Quote :)
Non ero interessato a raccogliere approvazioni o discussioni ma a stabilire il mio punto di vista, che poi qualcuno non sia d'accordo ci sta benissimo ma il mio non cambia.

Melzino dice che nasce appassionato ma poi ha imparato con Jelly Fish. Non metto in discussione la sua parola, sarebbe da capire la definizione "imparato", forse il pregresso di discussioni + libri + sessioni di gioco sono stati inutili?

Giocando si impara, similmente a qualsiasi sport, poi c'è chi impara di più e chi meno in base alla propria capcità cognitiva. Braconi ne ha molta e fa poca fatica, io ne ho poca e rinuncio a diventare un campione. A voi l'autoanalisi.

Quindi, a) i programmi offrono responsi utilissimi b) i libri (tutto ciò che è stato scritto) fanno da sfondo c) la pratica è essenziale.
Attraverso la pratica diventi un eccellente giocatore, diversamente è solo conoscenza e matematica fine a se stessi. Su questo forum in passato leggevo statistiche e percentuali, lo stesso che le pubblicava era vezzo ad uscire primo turno primo turno.
Su gridgammon spesso mia capita di analizzare le partite e scopro che alcuni avversari giocano a 3, ..zzo mi verrebbe da dire, bravi, poi mi ricredo e penso che non sia così importante perchè anche a scuola ti facevano imparare le poesie a memoria, la sostanza non era la poesia ma il contenuto. Ecco, un giocatore saputo, deve saper sbagliare e per farlo serve tantissima pratica.

Pertanto ritornando al tema Abilità o Fortuna nel senso generale della domanda, non è possibile stabilire quale prevalga, sono due storie antitetiche alle quali cerchiamo di dare un responso come fa XG, con scarsi risultati se non inesistenti, una storia può avere un lieto o cattivo fine, sta a noi definire il grado di divertimento che essa procura.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mar 18 lug 2017, 17:21 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1079
Florin ha scritto:

Io una domanda l'ho fatta tempo fa su questo forum ma l'unico che mi ha risposto è stato Melzino che ha fatto una stima sua, io ho detto la mia sulle partite che avevo fino a 2 anni fa quando circa ho ripreso a studiare, ora direi una cifra diversa.
Una stima BMAB sarebbe in condizioni di un torneo dove sai che giocare bene conta più del risultato e non fai aggiustamenti.


Mi autoquoto e dico, ci riproviamo ? 100 exp ci vogliono, equivalente di 9 match agli 11.
Le partite live che ho registrate lo scorso anno dicono 3.88 dopo 8 partite, sicuramente sono calato un pò e sono stato un pò fortunato a non avere partite difficili. Su Ebif ho 5.5 circa ma ho giocato a volte con febbre o condizione di distrazione, quando ho giocato al meglio sul 5.00 è stato.
Una stima sensata sarebbe di 5.00 quindi ma dato il tipo di torneo credo un 4.5 sia possibile. Siccome punto al 4.00 al momento non mi conviene farlo.
Ora fate le vostre stime ! Ricordo che qualcuno potrebbe sfidarvi dandovi un 0.5 in più ! :)

_________________
Le persone non sono fatte per capire le probabilità ma il backgammon può aiutare !


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mer 19 lug 2017, 13:42 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1079
Illustro qui una skill:
Simborg ha postato questa posizione su FB e la gente si è sbilanciata a tutto, da too good a beaver. Io vista tardì, comunque mi sembrava un ND perchè il bianco ha molta strada da fare e può perdere anche se fa subito un antijoker ma non è questo il punto.
Ho letto poi il commento di Mislav e in effetti ha ragione, qui doppiare conviene contro molti perchè si ha poco da perdere, solo un 0.055 e gammon si possono vincere un bel 40% comunque. Un Melzino, che XG dip del tutto non lo è, lo darebbe qui perchè sa questo ma un grumpy perchè è ottimista di natura. Un forte XG dip non lo darebbe mai, fatto sta che ci rimette spesso facendo così.


Allegati:
SimborgChouette.jpg
SimborgChouette.jpg [ 71.44 KiB | Osservato 112 volte ]

_________________
Le persone non sono fatte per capire le probabilità ma il backgammon può aiutare !
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mer 19 lug 2017, 16:22 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 13 mar 2007, 09:40
Messaggi: 2209
Località: Milano
Florin ha scritto:
Un forte XG dip non lo darebbe mai, fatto sta che ci rimette spesso facendo così.

Non sono convinto. Se prendiamo Mochy, ad esempio:

- contro Michi non lo darebbe, perché le chance di Pass sono nulle
- contro un giocatore Open medio non sono convinto che non lo darebbe

Va aggiunta anche un'altra considerazione: qua le chance di Pass contro un buon giocatore (diciamo PR medio sui 4) sono onestamente abbastanza basse.
Ma se aspettiamo un tiro, spesso al tiro dopo avremo una posizione che è un Double/Take dove il Pass è comunque errore abbastanza grosso, ma molto più probabile.

Come sapere quale tra le due strategie è ottimale? Impossibile dirlo a priori.

_________________
melzino


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mer 19 lug 2017, 16:37 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1079
melzino ha scritto:
Florin ha scritto:
Un forte XG dip non lo darebbe mai, fatto sta che ci rimette spesso facendo così.

Non sono convinto. Se prendiamo Mochy, ad esempio:

- contro Michi non lo darebbe, perché le chance di Pass sono nulle
- contro un giocatore Open medio non sono convinto che non lo darebbe

Va aggiunta anche un'altra considerazione: qua le chance di Pass contro un buon giocatore (diciamo PR medio sui 4) sono onestamente abbastanza basse.
Ma se aspettiamo un tiro, spesso al tiro dopo avremo una posizione che è un Double/Take dove il Pass è comunque errore abbastanza grosso, ma molto più probabile.

Come sapere quale tra le due strategie è ottimale? Impossibile dirlo a priori.


Quanto è medio ?
Guarda che a PR 4 c'e il supergrande maestro Brendahl, puoi salire di 1,5 tranquillamente per me.

_________________
Le persone non sono fatte per capire le probabilità ma il backgammon può aiutare !


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mer 19 lug 2017, 17:04 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar 13 mar 2007, 09:40
Messaggi: 2209
Località: Milano
Florin ha scritto:
Quanto è medio ?
Guarda che a PR 4 c'e il supergrande maestro Brendahl, puoi salire di 1,5 tranquillamente per me.

Forse mi sono spiegato male.

PR medio (average PR) sui 4 vuol dire ottimo giocatore, diciamo nei primi 50/100 al mondo. Contro uno di questi, tipo Bredhal, secondo me conviene aspettare a raddoppiare. Al tiro dopo potremmo avere una posizione di Double/Take che però anche uno di questi ottimi giocatori potrebbe passare.

Contro un giocatore da PR medio intorno ai 5,5 credo convenga invece raddoppiare subito, le chance di Pass salgono parecchio.

Poi dipende dalla natura e dalla tipologia di giocatore, ma in estrema sintesi questo è il mio pensiero.

_________________
melzino


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Abilità e fortuna nel backgammon.
MessaggioInviato: mer 19 lug 2017, 18:18 
Non connesso

Iscritto il: mer 28 mar 2007, 18:39
Messaggi: 1079
melzino ha scritto:
4 vuol dire ottimo giocatore, diciamo nei primi 50/100 al mondo. Contro uno di questi, tipo Bredhal, secondo me conviene aspettare a raddoppiare. Al tiro dopo potremmo avere una posizione di Double/Take che però anche uno di questi ottimi giocatori potrebbe passare.

Contro un giocatore da PR medio intorno ai 5,5 credo convenga invece raddoppiare subito, le chance di Pass salgono parecchio.

Poi dipende dalla natura e dalla tipologia di giocatore, ma in estrema sintesi questo è il mio pensiero.


Capito ora, la vedo così anche io.

_________________
Le persone non sono fatte per capire le probabilità ma il backgammon può aiutare !


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 58 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2, 3, 4

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group. Color scheme by ColorizeIt!
Traduzione Italiana phpBB.it